Shingo Yokoyama vince il titolo intercontinentale in Grecia

Yokoyama

Ieri, sabato, Sven Fortenbacher di Reutlingen ha gareggiato a Volos (Grecia) contro il campione del mondo in carica del Triathlon Shidokan Shingo Yokoyama (Giappone). Un incontro molto atteso: il campione del mondo 2018 (Sven Fortenbacher) ha incontrato il campione del mondo 2019 (Shingo Yokoyama) in una sfida diretta.

Prima dell'incontro, Yokoyama ha annunciato che questa sarà la sua ultima gara da professionista. Il 37enne è attivo in politica in Giappone da quest'anno e diventerà padre per la terza volta nel corso dell'anno. Circostanze che rendono impossibile un'altra carriera da pugile professionista. Per questo motivo doveva essere il suo combattimento d'addio per il titolo intercontinentale nel triathlon Shidokan contro il tedesco.

Yokoyama vs. Fortenbacher

Yokoyama ha iniziato l'incontro in modo molto aggressivo, come di consueto, ma ha subito incontrato una notevole resistenza da parte di Fortenbacher, che nel primo round ha trovato sorprendentemente il modo di entrare nel combattimento nella disciplina di parata del giapponese, il karate. Dopo poco tempo è stato il tedesco a esercitare un'enorme pressione su Yokoyama e a porre gli accenti migliori per gran parte del primo round di karate a contatto pieno. I giudici hanno assegnato a questo round un punteggio di parità, quindi l'incontro è passato alla fase successiva.

Nel secondo round, quello di kickboxing, Yokoyama ha alzato nuovamente il ritmo. Anche se ora è lui a dettare il ritmo, Fortenbacher si mantiene sempre abile e si rende pericoloso per il giapponese con alcuni attacchi. Yokoyama sapeva che se l'incontro fosse andato al terzo round (grappling) sarebbe stato probabilmente surclassato da Fortenbacher. Mobilitò tutta la sua forza e andò a un ritmo micidiale con attacchi duri. Dopo il secondo round, i giudici hanno sorprendentemente dato l'incontro al giapponese, evitando un terzo round e Yokoyama è stato dichiarato vincitore dell'incontro.

Quanto fosse vicina questa decisione è stato dimostrato dal gesto del Grandmaster Soeno (Giappone), che è entrato in pedana dopo l'incontro e ha alzato in aria le mani di entrambi i combattenti. Un felicissimo Shingo Yokoyama ha accettato la cintura di campione e un grande trofeo e con questa vittoria ha coronato la fine di una carriera senza precedenti di quasi 20 anni di karate a contatto pieno, kickboxing (finalista al K-1 World Max Japan) e triathlon Shidokan.

Sven Fortenbacher, invece, ha subito un'amara sconfitta per un soffio, ma è riuscito a convincere tutti i suoi dubbiosi che il titolo mondiale 2018 non è stato un "colpo di fortuna". Il 29enne pugile professionista del Quartier generale del Top Team tedesco di Reutlingen appartiene sicuramente ai vertici assoluti del mondo in questo momento ed è stato davvero in grado di farsi conoscere a livello internazionale con questa leggendaria battaglia contro la superstar giapponese.

Il prossimo appuntamento per il nativo di Reutlingen è l'All Japan Shidokan Open che si terrà in ottobre in Giappone, dove è già considerato uno dei favoriti per il titolo. Incrociamo le dita per il futuro e attendiamo con ansia i combattimenti che Fortenbacher terrà nel prossimo futuro.

Facebook
Twitter
it_ITItaliano
Scorri in alto